MOSTRA DIDATTICA DEGLI STRUMENTI

“NON SEMPRE LE COSE SONO QUELLE CHE SEMBRANO”

L’attività laboratoriale si propone come progetto innovativo di educazione sonoro-musicale. Al giorno d’oggi i bambini, sempre più abituati all’ascolto passivo e costretti a confrontarsi con strumenti tecnologici che li privano dell’esperienza creativa, hanno realmente bisogno di sperimentare l’uso di materiali grezzi e di affinare l’orecchio a sonorità inusuali. E’ importante stimolarli ad una viva e coinvolgente partecipazione al gioco dell’improvvisazione musicale, senza vincoli di acculturazione.

“Non sempre le cose sono quelle che sembrano” è un incontro  durante il quale i partecipanti potranno ascoltare e provare strumenti di varie tipologie da noi costruiti con materiali di riciclo e naturali: strumenti a percussione, a corde, a strofinamento, a fiato, ad acqua e tanti altri.
Ascoltando la voce dei materiali naturali (pietre, legni, gusci ecc.) o domestici (plastica, vetro, metallo ecc.) scopriremo insieme tanti strumenti musicali e oggetti sonori ai quali forse non avevamo mai prestato attenzione. L’invenzione musicale e la sensibilità all’ascolto attraverso un’esplorazione sonora curiosa e stimolante, per trasmettere e vivere il piacere di un’avventura che possa continuare a reinventarsi: perché in ogni oggetto è nascosto un suono e per farlo uscire occorrerà bussare alla sua porta: battere, colpire, grattare, pizzicare, soffiare, scuotere, strofinare.
Inoltre, grazie all’uso degli strumenti musicali costruiti con materiali naturali, i partecipanti potranno esprimere la propria musicalità e fantasia inventando suoni e melodie affini alla propria personalità, senza doversi adeguare a musiche strutturate. Un viaggio alla scoperta di come suona il riciclo, che ci porterà ad esplorare e scoprire come il suggestivo mondo dei suoni possa diventare un’esperienza che diviene spettacolo in cui tutti saranno protagonisti, dove i partecipanti si faranno musicisti con i più curiosi strumenti e oggetti musicali.

Per scuole dell’ Infanzia, Primarie, Secondarie.

Menu